mercoledì 17 giugno 2015

Estate e picnic party



L'estate chiama i picnic. 
Non c'è niente da fare per me. Quando si ha a disposizione un giardino o un parco ombreggiati (ma anche la spiaggia!), cosa può esserci di più bello del mangiare all'aria aperta un panino o una focaccia farciti e avere attorno spazio e natura per giocare, divertirsi o rilassarsi?



Estate e pic nic


Anche se non sempre riesco ad organizzarli, mi ritrovo a sfogliare libri e riviste immaginandomi allestimenti e ricette. 

Secondo me un picnic all'aperto resta uno dei modi migliori per festeggiare una ricorrenza o un compleanno, soprattutto in primavera o nelle prime settimane dell'estate, quando ancora il caldo non è soffocante.


Non sempre un compleanno deve essere una festa grandiosa. A volte, può essere anche un modo diverso di pensare una giornata importante, magari un'occasione per stare tutti in famiglia o in compagnia di pochi amici speciali. 

Qualunque sia la motivazione o la location, per me ad un picnic non si può prescindere dal portare:

1. Una o più coperte di cotone o tovaglie impermeabili. Io uso una tovaglia plastificata da un lato (che metto a contatto con il terreno) e di stoffa dall'altro, così risulta morbida e non devo portarmi dietro altro per stare più comodi.

2. Una borsa termica contenente le bevande, magari già in piccole bottiglie o brick da usare singolarmente (io a volte ci metto anche le etichette con i nomi).

3. Panini e/o focacce farciti (possibilmente fatti in casa), incartati singolarmente ed etichettati per non doverli aprire tutti per trovare quello desiderato.

4. Insalate varie (di riso, di verdura, di pasta, di legumi) già porzionate in tanti contenitori di vetro o di plastica quante sono le persone presenti, in modo da non dovermi portare piatti, ma solo posate e tovaglioli.

5. Frutta fresca lavata e pulita o già tagliata e suddivisa nei piccoli vasetti che si utilizzano per le conserve, chiusi con il tappo.

6. Un sacco per la spazzatura.

7. Qualche olio essenziale di lavanda e/o citronella per tenere lontani zanzare e insetti, da massaggiare direttamente sul corpo o cospargere in piccoli batuffoli di cotone da posizionare ad hoc.

A volte, se è avanzata dalla sera precedente o dalla colazione, porto anche qualche fetta di torta incartata singolarmente nella stagnola e libri, riviste o giochi per mio figlio. Ma non li considero indispensabili per la riuscita del pic nic.

Se si deve festeggiare un compleanno, preferisco fare una torta di piccolo diametro in modo da poterla trasportare facilmente (ricordandomi di portare un coltello per tagliarla, candeline e accendino), prediligendo torte semplici e non troppo farcite, per mangiarle con le mani e non avere problemi di conservazione.

Se invece avete qualche piccolo ospite invitato al vostro picnic party, può essere carino proporre un  pensiero di ringraziamento da portare via a fine festa. Per rimanere in tema, anche piccoli vasetti ripieni di caramelle o gelatine (magari fatte in casa, perché no?).


Ecco così, per me, un picnic è già una festa! E per voi?

2 commenti:

  1. I tuoi consigli sono sempre preziosi, grazie per questi post! Un abbraccio, Debora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre carina e gentile! I commenti come il tuo mi danno la spinta giusta per questo Blog! Grazie di cuore

      Elimina