martedì 29 maggio 2018

Le vigilie sono più importanti dei giorni di festa (cit.)


L'importanza dei preparativi di una festa per bambini


Questa bellissima frase - che anticipo come frase del mese di giugno - l'ho presa dal libro "Quattro tazze di tempesta" di Federica Brunini che ho letto in questi giorni. E sono super d'accordo!

Il discorso si può ampliare al periodo che precede ogni festa, perché l'attesa di una festa è la parte che più fa trepidare, sognare ed emozionare, soprattutto un bambino. A volte anche più della festa stessa, come per esempio prima del giorno di Natale.



Per questo è importante viverla bene, anche e soprattutto noi genitori. Per imparare a lasciare andare le ansie e il perfezionismo che troppo spesso ci condizionano e creano solo stress - in questa come in altre cose della vita. 

Oggi mi sento filosofica, scusatemi ma voglio condividere questi pensieri con voi. I preparativi vanno assaporati!

Non sempre è facile realizzare questo proposito, me ne rendo conto e l'ho sperimentato anche io. 

Perché quando decidiamo di organizzare una festa per il compleanno dei nostri figli la prima sensazione che proviamo è di ansia. Per i preparativi, per l'impegno e il tempo che dovremmo dedicarci, per la paura del giudizio degli altri e anche di quello dei nostri figli, per i soldi da spendere, per riuscire a soddisfare le aspettative, anche le nostre! 

Se questa ansia non viene incanalata e tenuta a freno, dilaga e ci fa arrivare al giorno della festa super-stressate e a volte anche isteriche.

E non è un peccato? Cosa ci perdiamo quando non riusciamo a goderci il tempo che trascorriamo con i nostri figli?

Ecco allora che ci arriva in aiuto pianificare per tempo: per me almeno è così. Mettere in una bella lista tutto quello che c'è da fare e iniziare ad agire per farlo mi fa già sentire subito rilassata. E mi permette di pensare anche a come coinvolgere mio figlio nei preparativi. Così diventano per noi momenti da assaporare, da ricordare come parte della festa stessa.

So che per me ultimamente è stato più facile perché sono a casa e non lavorando ho tutto il tempo per organizzare. Ma quando andavo a lavorare, organizzare tutto per tempo e sapere che non avrei avuto l'acqua alla gola gli ultimi giorni era ancora più importante. Mi permetteva di agire e cercare di prevenire o affrontare anche gli imprevisti. Di trovare il tempo necessario anche tra mille impegni.

Quindi il mio consiglio di oggi è soprattutto per chi si riduce sempre all'ultimo e anche per quelle persone che sono diffidenti verso le feste di compleanno: provate quest'anno a pensare alla festa dei vostri figli almeno un mese prima

Sedetevi con una tazza di qualcosa da bere, una penna, un foglio bianco e iniziate a stilare una lista delle cose che vi servono. E fate una di queste cose subito, magari insieme ai vostri figli. Vedrete come il vostro approccio sarà subito diverso. Provare per credere! 

E se vi va fatemi sapere nei commenti o scrivendomi una mail se davvero per voi, soprattutto se eravate tra gli scettici, ha funzionato!

Photo by Brooke Lark on Unsplash


2 commenti:

  1. Hai perfettamente ragione: la pianificazione è tutto, ma ammetto che non sempre ci riesco. Soprattutto quando si tratta di creatività sono un'istintiva!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me chi è creativo ha una marcia in più ma chi, come me invece lo è molto poco, ha bisogno di affidarsi alla pianificazione per avere tutto sotto controllo!!! Grazie di essere passata dal Blog!

      Elimina